Non è un paese per intelligenti

«Ma certo che quelle società sono mie! Mi servivano per non pagare le tasse! Perché, lo sapete, oltre il 35% di aliquota, evadere le imposte è legittima difesa». Così ha affermato B. ai tempi del processo All Iberian, a proposito delle società off-shore del Gruppo Mediaset. «Sì, B. ha commesso falso in bilancio. Ma va assolto perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato». Così ha sentenziato il Tribunale di Milano, in occasione del Processo Lentini-Milan, dopo che B. si era fatto la legge che depenalizzava di fatto il falso in bilancio. «Sì, non ci sono prove che dimostrino che B. non ha commesso falso in bilancio. Ma è passato troppo tempo, i reati sono prescritti». Così ha detto il Gip di Milano durante il Processo All Iberian 2, dopo che B. si era fatto la legge che dimezzava i tempi di prescrizione. «Sì, non ci sono prove che dimostrino che B. non ha corrotto i giudici. Ma è passato troppo tempo, i reati sono prescritti». Così ha decretato la Corte d’Appello di Milano ai tempi del Processo per il Lodo Mondadori. «Sì, non ci sono prove che dimostrino che B. non ha corrotto i giudici. Ma è passato troppo tempo, i reati sono prescritti». Così ha detto il Tribunale di Milano in occasione del Processo sulle “toghe sporche”. «Sì, non ci sono prove che dimostrino che B. non ha dato 21 miliardi a Craxi. Ma è passato troppo tempo, i reati sono prescritti». Così hanno sentenziato la Corte d’Appello di Milano e poi la Cassazione in merito al Processo per finanziamento illecito ai partiti. «Sì, B. ha commesso falso in bilancio. Ma c’è l’amnistia». Così ha detto la Corte d’Appello di Milano ai tempi del Processo per i terreni di Marcherio. «Sì, B. ha commesso falsa testimonianza. Ma c’è l’amnistia». Così ha sentenziato la Corte d’Appello di Venezia per il Processo P2. «Sì, Alleanza nazionale ha venduto a una società off-shore un appartamento che aveva ricevuto in eredità; ha preso 300.000 euro e li ha iscritti a bilancio. Adesso in quell’appartamento c’è il cognato di Fini. Fini deve dare le dimissioni da presidente della Camera». Così hanno detto i giornali e le televisioni controllati o posseduti da B.

Se i fratelli Coen avessero ambientato il loro film in Italia, lo avrebbero intitolato Non è un paese per intelligenti. La convinzione di stare in mezzo a milioni di coglioni è cosa che sconforta e deprime ed è questo che più mi angustia del vivere in Italia. Paese bellissimo, il cui tessuto civile e sociale si è però del tutto logorato, annichilito dalla forza d’urto del populismo berlusconiano e leghista. Solo in un Paese come il nostro ha diritto di cittadinanza una triste pantomina come quella che riguarda la casa di Montecarlo di An. Una sceneggiata che i media del Presidente del Consiglio hanno realizzato ad hoc per ottenere successo e credibilità presso un pubblico di cerebrolesi, obnubilati da una endemica ignoranza, così irreversibilmente profonda da non sospettare neppure se stessa. Lo stesso pubblico che liquida come goliarda un premier che bestemmia in pubblico, o un ministro che definisce porci i cittadini della capitale del suo Paese. Quindi mi scuso se ho offeso qualcuno chiamando coglioni molti dei miei connazionali, ma mi picco di essere un pò goliarda anch’ io!

Questo post è catalogato in berlusconi, fini, politica. Vai al permalink.

23 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.