Vorrei un paese normale

Non so voi, ma a me questo primo decennio del secolo è volato via che neppure me ne sono accorto. Non parliamo di quest’ultimo anno che è terminato appena un attimo dopo essere iniziato. Tipicamente questi giorni sono quelli dei buoni propositi, ma anche dei desideri e degli auspici. Ci sono diverse cose che mi piacerebbe succedessero il prossimo anno a mia moglie e me. Cose su cui qui sorvolo, perchè il mio blog non è di quelli direttamente personali, ma – come scrissi in uno dei miei primi post, quasi 4 anni fa – un luogo dove parlare del “dentro” attraverso il “fuori”. Allora preferisco elencare brevemente alcune cose che vorrei fortemente per la società in cui vivo. Ecco, non so voi, ma a me piacerebbe stare in un paese normale, una democrazia in cui il premier non avesse pendenze giuridiche irrisolte e non fosse il proprietario di un enorme impero mediatico da utilizzare per annientare la libera informazione e chiunque si difformi dal pensiero unico dominante. Dove non si dovesse assistere all’affossamento della scuola e della cultura in genere, alla deligittimazione delle parti sociali, allo svilimento delle istituzioni esistenti, alla denigrazione dei diversi, alla promozione di un clima di intolleranza ed ignoranza, all’aumento delle morti sul lavoro e delle disgrazie causate da criminali negligenze. Ancora non so voi, ma io vorrei risparmiarmi una nuova stagione di populismo dilagante, di leaderismo videocratico privo di contenuti, di leggi ad personam,  di tensioni sociali, di logoramenti del tessuto sociale, e di derive – più o meno morbide – verso un regime illiberale.

Quindi ecco che, augurandovi un formidabile 2010, mi viene da pensare che un augurio non dovrebbe essere soltanto un gesto scaramantico, ma un’assunzione di responsabilità affinchè ognuno di noi si impegni a cambiare ciò che di sbagliato vede nel proprio personale quotidiano. Se si sarà capaci e fortunati, tanti piccoli cambiamenti provocheranno forse una grande svolta.

Questo post è catalogato in politica, societa. Vai al permalink.

41 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.