La terra dei leccaculi

Il Renzi che durante la Leopolda imita il peggior Grillo e le sue liste di proscrizione, lanciando una consultazione online per scegliere la prima pagina peggiore dei quotidiani italiani, è cosa che non può lasciar indifferenti. Quando certi discutibili esercizi erano appannaggio di un partito di opposizione come il M5S venivano giustamente considerati – anche dallo stesso Renzi – come un’espressione della natura autocrate ed illiberale del proprio leader.  Ma se un assalto del genere viene portato avanti dal segretario del partito di maggioranza, che incidentalmente (e disgraziatamente) riveste anche il ruolo di Presidente del Consiglio, si ha a che fare con una degenarazione dello scontro politico ancor più grave, perchè la più alta carica del Paese dovrebbe mostrare una certa qual “superiorità” istituzionale e non muoversi come un capriccioso e vendicativo bimbominkia, indispettito dal fatto che ci sia ancora qualcuno che invece di leccargli il giovane e regal culetto, lo dipinga come brutto e cattivo. Un episodio assai preoccupante, specie se si considera che in un momento delicatissimo di tensione internazionale sarebbe più opportuno che il premier si occupasse di ben altre questioni.

La libertà di espressione va difesa sempre e comunque e non soltanto quando coloro che muovono le critiche si chiamano Biagi, Santoro o Luttazzi (e sono d’accordo con noi). Ed un partito che tuttora (sic!) si chiama “democratico” dovrebbe tutelare questo principio elementare con più forza e convinzione degli altri. Ma è evidente ormai che Renzi ha trasformato il PD da partito popolare e pluralista, radicato sul territorio, a suo personale apparato propagandistico, a cui dar mandato di mettere alla berlina le voci dissonanti con lo stesso inammissibile tono dileggiante e canzonatorio che altre “forze” politiche utilizzano da tempo. Sarebbe bello se oltre che a rottamare l’esperienza di alcuni politici di lungo corso, si pensasse a farla finita anche con le peggiori abitudini di questa nefasta Seconda Repubblica. Invece – ancora una volta – si dimostra una mal celata (e sempre più pericolosa) continuità con quell’arroganza berlusconiana contro la quale, un’era geologica fa, il primo a scagliarsi era proprio il PD.

Catalogato in politica, renzi | 35 Commenti

Il Natale ai tempi del terrorismo

Il Natale è qualcosa di più di una semplice festa religiosa: fa infatti parte del nostro patrimonio culturale, del nostro più antico e prezioso bagaglio di tradizioni. Non celebra unicamente la nascita del Bambin Gesù, ma anche quei principi come la fratellanza, la solidarietà e la pace, sui quali si fondano le società occidentali. Ecco perchè la decisione del preside della primaria Garofani di Rozzano è una sciocchezza grossolana, specie se presa a seguito dei fatti del 13 novembre. L’integrazione fra il mondo islamico ed il nostro non può certamente passare attraverso la negazione dei valori fondanti della propria identità, per paura di turbare una non meglio precisata sensibilità religiosa di chi proviene da differenti culture.

Detto questo, sarà comunque opportuno interrogarsi su come gestire la materia complessa della diversità religiosa nelle scuole pubbliche (e laiche), in una società che sta sempre più diventando multietnica, senza naturalmente finire a brandire i presepi come arma di propaganda o a trovarsi improvvide parlamentari che intonano “Tu scendi dalle stelle” davanti ai cancelli degli istituti scolastici. La questione è troppo seria ed importante per lasciarla nelle mani di un Salvini o di una Gelmini qualsiasi, o per strumentalizzarla contro gli islamici e i migranti, in uno spirito che è diametralmente opposto a quello “natalizio”. E’ evidente che ciò che un tempo valeva per una società cattolica non può valere più oggi, ma è altrettanto chiaro che non si può cancellare dai programmi scolastici ogni riferimento religioso per timore di offendere qualcuno. E allora, ancora una volta la diversità dev’essere considerata come un’opportunità, una ricchezza, un’ulteriore strumento di conoscenza dentro una società in cui culture differenti devono imparare a convivere in armonia. Uno degli obiettivi primari dei terroristi è quello di instaurare un clima di contrapposizione totale, di odio verso chi è diverso da noi, cerchiamo – una volta tanto – di non aiutarli.

Catalogato in gelmini, jihad, politica, salvini, societa | 30 Commenti

Le aquile della morte

Non furono pochi lo scorso gennaio a ritenere che – in fondo – quelli di Charlie Hebdo se la fossero cercata; come se ammazzare qualcuno perchè responsabile di aver disegnato delle vignette irriverenti fosse in qualche modo spiegabile o persino comprensibile. Chissà cosa penseranno oggi costoro delle 129 persone uccise e delle oltre 300 ferite venerdi notte a Parigi, colpevoli questa volta solo di essere uscite da casa per recarsi in un ristorante, o per assistere ad un concerto rock o ad una partita di calcio. C’è una barbarie cieca ed infame alla base di queste stragi. Folle, vigliacca e fanatica perchè, nascondendosi dietro il nome di Dio, colpisce semplicemente chi è diverso, chi è altro da sè.  Analogamente ai nazisti che diedero vita all’Olocausto sulla base del dominio degli ariani sulle razze inferiori come gli ebrei, gli jihadisti usano la religione come strumento per separare il mondo in due parti: i puri (loro) e i miscredenti (tutti gli altri). Naturalmente chi si trova dalla parte sbagliata va sterminato. Ecco perchè ciò che è successo è una dichiarazione di guerra alla democrazie occidentali, alle libertà e ai diritti acquisiti in decenni di battaglie civili, a cui bisognerà reagire in modo unitario ed implacabile. Lo Stato Islamico si annida  nelle nostre città e si alimenta di un odio inesauribile verso i nostri valori (non ultimi il principio di uguaglianza, il rispetto delle diversità e le libertà di religione e di opinione) arrivando a trucidare senza alcuna pietà persone inermi, nella loro vita quotidiana. L’obiettivo è quello di imporre nel cuore della moderna Europa un regime oscurantista, fondamentalista, violento e sanguinario.

Così Scalfari nel suo editoriale: «Poiché bisogna sgominare l’Is e i suoi capi, qual è la guerra che dobbiamo fare e vincere? Le nazioni aggredite ed i loro alleati debbono scendere sul terreno che sta tra Siria, Iraq e Libia, ma non solo con bombardamenti aerei ma con truppe adeguate. Ci vuole un’alleanza politica e militare che metta insieme tutti i membri della Nato a cominciare dagli Usa e in più i Paesi arabi, la Turchia (che nella Nato c’è già), la Russia e l’Iran. Credo che sia questo il modo di agire nell’immediato futuro. Se non si fa, la nostra guerra con la barbarie terrorista non vincerà. Molto tempo per decidere non c’è. Nel frattempo l’Europa federale dev’essere rapidamente costruita a cominciare dalla difesa comune e dalla politica estera. Sono questi i soli modi per difenderci dal terrore e dalla sua disumanità».

Catalogato in charlie hebdo, jihad, politica, scalfari, societa | 75 Commenti

Fumus Persecutionis

«La condanna di Silvio Berlusconi a Napoli per una indimostrata compravendita di senatori ha dell’incredibile, è ingiusta e va a sindacare un principio sancito dalla Costituzione: ogni parlamentare è eletto senza vincolo di mandato. Ora ogni rappresentante del popolo dovrà stare attento a come vota in Parlamento». Quando si leggono dichiarazioni come queste da parte di uomini delle Istituzioni, viene da domandarsi se costoro ritengono di amministrare un popolo composto unicamente da poveri grulli. Si spieghi allora che cosa si intende quando si ricorda l’assenza del vincolo di mandato. Forse che il parlamentare – nella fattispecie l’ex senatore Sergio De Gregorio reo confesso – potesse sentirsi autorizzato ad accettare una mazzetta di 3 milioni di Euro per cambiare la propria casacca politica, e così contribuire a far cadere il Governo Prodi nel 2008? Evidentemente per Maurizio Lupi – Ministro delle Infrastrutture dimissionario per aver ricevuto favori e regali da parte di manager ed imprenditori e tuttora alleato di governo del PD – il rappresentante del popolo non deve rispondere alla legge – brutta, cattiva ed ingiusta – ma soltanto alla propria coscienza. E se poi tale coscienza dovesse somigliare a quella dell’ex ministro, si potrebbe star certi che consentirebbe di chiudere tutte e due gli occhi di fronte a sciocchezzuole come la corruzione e la compravendita di esponenti del Parlamento.

Berlusconi è stato condannato in primo grado a 3 anni di reclusione e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici, in un processo che comunque è destinato alla prescrizione (grazie naturalmente ad una delle tante leggi ad personam). È la prima volta nella storia repubblicana che un leader politico viene riconosciuto colpevole di un reato del genere, che di fatto ha cambiato la nostra storia recente, eppure la notizia non ha trovato nei media un grandissimo risalto. Certo si dirà che il ventennio berlusconiano ha assuefatto la gente alle peggiori nefandezze e che la crescente disaffezione alla politica è dovuta proprio ai troppi episodi di malaffare che hanno funestato la vita pubblica del Paese. Eppure sarebbe uno sbaglio attribuire soltanto a berlusconi e alla classe politica nata e prosperata alla sua ombra tutte le responsabilità. Esiste davvero un fumus persecutionis, ed è quello che molti di noi hanno nei confronti dell’intelligenza, dello spirito critico, del senso civico, di un tessuto sociale all’insegna di principi come la cooperazione, la solidarietà, la tolleranza, l’impegno. Perchè – sia chiaro – la qualità della democrazia dipende direttamente dalla qualità morale dei cittadini.

Catalogato in berlusconi, lupi, politica | 58 Commenti

OXI!

E’ stata una straordinaria vittoria della democrazia. Ancora più bella ed importante perchè ottenuta nonostante il terrorismo mediatico e le ingerenze, squisitamente politiche, dell’establishment europeo che insieme avevano confezionato una narrativa apocalittica secondo cui, se avesse vinto il NO, Atene avrebbe dovuto necessariamente uscire dall’eurogruppo in un scenario intriso di sciagure, rovine, lacrime e sangue. Perchè – sia chiaro – la questione non era scegliere fra Euro e Dracma, come un improvvido tweet del nostro Presidente del Consiglio – sempre pronto a baciare l’anello della cancelliera tedesca – voleva far intendere, bensì opporsi in modo netto ed incontrovertibile al piano degli aguzzini…, oops dei creditori europei, consistente in un fatale mix di aumenti delle tasse e drastici tagli alla spesa pubblica, del tutto insostenibile per il popolo ellenico. Con il voto di ieri la Grecia ha dimostrato che esiste anche un altro modo di intendere l’Europa: quello per cui attraverso i mezzi democratici è possibile opporsi alle politiche di austerità e ai tagli ai diritti così fortemente voluti dalla Germania e dall’aristocrazia finanziaria, e battersi per un Continente inclusivo e solidale, portatore di pace ed eguaglianza.

Scrive oggi Lucia Annunziata: «È l’umiliazione della Merkel innanzitutto, che ha qui rivelato una straordinaria miopia e un eccesso di muscolarità (…). Sconfitti, insieme a lei i tanti funzionari europei mascherati da leader, di cui Juncker è oggi il perfetto stereotipo, anche loro tutti convinti che un ringhio di Bruxelles bastasse a rimettere a posto le cose. Sconfitti sono però anche i leader europei che avrebbero potuto avere, per tradizione e convinzioni, un ruolo di bilanciamento per evitare che si arrivasse a questo punto (…). L’Italia anche avrebbe potuto, voluto e dovuto fare da mediatore. Lo ha tentato all’inizio di questo scontro. Ma si è ritirata, e il perché ce lo spiegherà prima o poi Matteo Renzi. Certo è che il nostro paese che con il nuovo premier è entrato sulla scena europea solo pochi mesi fa con la ambizione di far “cambiar verso all’Europa” appare oggi fra gli spettatori più’ che fra i protagonisti». Ed è ovvio che quando si parla di protagonisti non si può non fare il nome di Alexis Tsipras, che in questo frangente così drammatico per lui ed il suo Paese ha dimostrato la giusta dose di fierezza ed un notevole coraggio personale, rischiando la propria leadership in un referendum dall’esito tutt’altro che scontato. Evidentemente esiste ancora qualche leader che piuttosto che mantenere la propria quota di prestigio e di potere, preferisce giocarsi il tutto per tutto in nome di un’idea di politica fatta di solidarietà, equità e giustizia sociale, a servizio delle fasce più deboli e povere della popolazione. E’ questa la vera Sinistra di cui ha così maledettamente bisogno l’Europa ma anche noi italiani! Che enorme differenza, che distanza siderale infatti con tanti politicanti nostrani, bravissimi a far proclami a favore dei media, ma ancor più bravi (e spregiudicati) poi nel disattenderli puntualmente con i fatti. Onore quindi a Tsipras che peraltro sa benissimo che la partita è ancora di là dall’essere terminata. Ieri si è vinto solo una battaglia, ma lo si è fatto nel miglior modo possibile.

Catalogato in annunziata, merkel, politica, renzi, tsipras | 199 Commenti

Magna Grecia

Sono settimane di sfide queste ultime per l’Europa: questioni drammatiche e diverse che si chiamano terrorismo islamico, immigrazione e Grecia. Sono tutte sfide, però, che questa Europa a trazione tedesca ed in mano a burocrati e banchieri, non riesce a risolvere e – specie per le ultime due – dà l’impressione di affrontare in modo egoista, senza un’ identità riconosciuta e una reale visione politica. Per quanto riguarda la questione ellenica in particolare, Alessandro Gilioli sul suo blog pone una questione centrale: «’La non approvazione delle misure compensative non era mai accaduta prima. Né in Irlanda né in Portogallo, in nessun posto’, ha twittato ieri il premier greco Alexis Tsipras facendo un po’ il riassunto di quello che sta succedendo, secondo lui, a Bruxelles. Se provate a inerpicarvi nei contenuti della trattativa tra Atene e i suoi creditori (sostanzialmente, l’Europa e il Fmi) rischiate oggi di perdervi in una quantità di dettagli tecnici che rischiano di far perdere di vista il problema di fondo. Quello cioè posto da Tsipras nel suo tweet: alla fine, il saldo contabile per lo stato greco a cui arriva il piano del governo di Atene è uguale a quello richiesto dai creditori; solo che i creditori vogliono che la Grecia ci arrivi in un altro modo. I creditori non si accontentano che la Grecia raggiunga quegli obiettivi di bilancio che lo stesso governo Tsipras si impegna a raggiungere: vogliono stabilire loro come questi obiettivi devono essere raggiunti, indicando nei dettagli dove si tassa e dove no, dove si taglia e dove no. Ma al di là di questo, quello che ogni giorno emerge di più dalla trattativa è una domanda gigantesca che ci coinvolge tutti: fino a che punto può essere tirata l’asticella della cessione dei poteri democratici?». Ecco perchè la mossa di Tsipras di restituire ai cittadini greci una decisione così fondamentale per il proprio futuro è comunque dirompente e di per sè vincente, al di là del risultato finale. Una mossa che ci fa capire che esiste un’alternativa all’aristocrazia finanziaria della Troika ed è quella che prevede la libera espressione dei popoli. E’ inammissibile che tecnocrati destrorsi e reazionari, non eletti da nessuno, impongano ad una nazione sovrana di abbattere lo stato sociale e di far gravare l’austerità sulle fasce più deboli e povere della collettività. Occorrerebbe una mobilitazione di solidarietà che muovesse da tutti i Paesi europei, alcuni dei quali potrebbero trovarsi domani nelle condizioni in cui oggi è la Grecia. Ma si sa, la solidarietà non è più un termine a la page nel nostro Continente.

Sia ben chiaro: non esiste futuro senza l’Europa e ciò con buona pace di tutti i movimenti euroscettici che naturalmente stanno rafforzandosi un pò ovunque. Ma questa Europa disgregata ed inutile che non si pone come obiettivo l’uguaglianza e l’integrazione tra le persone, le culture e gli Stati, ma solo l’imposizione di misure economiche dirette a favorire certe nazioni a scapito di altre, incapace di dare una risposta ferma e lungimirante alla minaccia dell’ISIS, ostaggio dei nazionalismi più beceri rispetto all’emergenza immigrati ed indifferente alle sofferenze del popolo ellenico, va profondamente rifondata. Prima che sia troppo tardi.

Catalogato in merkel, politica, tsipras | 55 Commenti

A casa vostra

Un recente studio internazionale ha evidenziato come l’Italia sia la nazione più razzista del Continente. Tra i Paesi europei infatti non c’è nessuno che ci batta quando si tratta di discriminare rom e musulmani. Mentre per quanto riguarda gli ebrei siamo secondi dopo la Polonia. C’è anche questo aspetto dietro al crescente successo del Carroccio, che ha sempre fatto della xenofobia, dell’intolleranza e dell’egoismo il proprio tratto distintivo. Un tempo il nemico era il Sud e Roma ladrona, oggi sono gli immigrati. La Lega è passata dal separatismo al più ottuso nazionalismo, dall’indipendenza del Nord alla difesa dei cittadini italiani, continuando però a configurarsi come un aggregato rozzo e populista, oscurantista e discriminatorio. Tragedie epocali – come quella che spinge moltitudini di persone a perdere la vita, pur di raggiungere l’idea di una esistenza migliore in Europa – vengono prima cavalcate per beceri motivi elettorali, e poi affrontate – pur nella loro estrema complessità – con soluzioni da bar dello sport. Fra quest’ultime, il vecchio ma sempre in voga ritornello del «se volete che i profughi vengano in Italia, ospitateli a casa vostra» dà la misura esatta di come la politica (e parte della pubblica opinione) sia ormai guidata dalla piccineria e dall’idiozia più sonfortanti.

A dare al fenomeno contorni apocalittici contribuisce anche il sistema dei media – specie quelli facenti capo a berlusconi – che con articoli e servizi martellanti rappresentano i migranti e gli extracomunitari come un’accozzaglia di delinquenti e terroristi, ignoranti, sporchi ed infetti, pronti ad assaltare le stazioni, struprare le donne ed uccidere a colpi di machete chiunque gli si pari davanti. La realtà naturalmente è diversa e se la nostra opposizione fosse più seria e responsabile lo farebbe presente. Ma tutto fa brodo e se grazie a questa situazione si può menare fendenti a PD e Governo (anche se quest’ultimo esente da colpe non è) ben vengano anche le ondate di isteria collettiva. E nessuno provi a dare letture diverse, foss’anche Papa Francesco, se la dovrà vedere con Matteo Salvini e le sue felpe!

Catalogato in politica, salvini | 102 Commenti

L’impresentato

Ci sono alcuni dati che emergono dalle elezioni su cui vale la pena riflettere. Primo fra tutti l’astensionismo. Quando si reca alle urne una persona su due significa che hanno perso tutti. La crescente incapacità di rappresentare l’elettorato è una gravissima malattia che una classe politica matura e responsabile dovrebbe cercare di interpretare e risolvere prima di ogni altra cosa. La diffusa sfiducia rispetto al sistema politico, percepito come strumento di occupazione del potere, sta anche alla base del successo della Lega che avanza ovunque e della sostanziale conferma del M5S.

Il voto delle Regionali ha inoltre messo fine al sogno del Partito della Nazione: è evidente infatti che il progetto renziano di sfondare a destra si è rivelato fallimentare. Il premier non solo non conquista l’elettorato post-berlusconiano – attratto piuttosto dal populismo di Salvini – ma perde anche a Sinistra. Il crollo del consenso rispetto alle Europee dell’anno passato, ma anche la flessione rispetto alle scorse Regionali, quando il PD bersaniano conquistò il 25,9% a fronte del 25,2% di domenica, è figlio infatti di una politica che ha perso di vista le istanze dell’elettorato di Sinistra. Ecco perchè il risultato di Luca Pastorino in Liguria è potenzialmente assai interessante, come giustamente osserva Pippo Civati sul suo blog. Di tante dichiarazioni post elettorali, quelle dei vari paitarenziorfiniserracchiani che scaricano l’epocale sconfitta ligure sulle spalle di Civati sono tra le più ottuse, pretestuose e lontane dalla realtà che mi sia mai capitato di ascoltare. La Paita ha perso non già per colpa della Sinistra, ma perchè connessa mani e piedi all’amministrazione Burlando che ha governato (malissimo) la Regione in questi ultimi 10 e passa anni. Renzi si è venduto come grande rottamatore ed invece in Liguria ha inteso soltanto conservare un sistema di potere deludente e fallimentare. La gente l’ha capito e lo ha punito.

Catalogato in civati, pastorino, politica, renzi, salvini | 246 Commenti

Tutto cambia affinché nulla cambi

A seguito delle alluvioni –  almeno 4 – che hanno colpito Genova e la Liguria in questi ultimi anni, il Governatore Claudio Burlando è stato più volte messo sulla graticola per non aver mai realizzato le infrastrutture necessarie per la messa in sicurezza del territorio, ma anche per la scriteriata cementificazione che ha devastato la regione, e perchè la sua giunta si è sempre trovata impreparata nella gestione dell’emergenza alluvione. Raffaella Paita, assessore regionale alla protezione civile, campionessa mondiale in scaricabarile e candidata per il PD alla presidenza della Liguria, è da tempo delfina di Burlando e ha precise responsabilità, sicuramente politiche e forse anche penali (è indagata per due cosuccie come omicidio e disastro colposo) rispetto all’alluvione del 9 ottobre 2014 che in città provocò una vittima e portò l’ennesima desolazione. Nonostante questo, ha inopinatamente vinto le primarie (non senza però farsi mancare sospetti di gravi irregolarità), godendo dell’appoggio della destra contro una persona perbene e dalla provata esperienza come Sergio Cofferati. «In un colpo solo – osserva giustamente Scanzi – «la Paita ha reso pressoché definitiva l’agonia irreversibile dell’istituzione delle primarie e ha dimostrato quella che è l’anima vera del renzismo: non il cambiamento, ma la restaurazione. Si vota un elemento giovane, più o meno vicino ai renziani, per mantenere lo status quo, ovvero Burlando, a cui l’assessore Paita è notoriamente vicina». Oggi i sondaggi danno Raffaella Paita testa a testa con il candidato di FI, Giovanni Toti, berlusconiano di ferro con paurose carenze in geografia. Il PD ligure allora avverte: votate per noi perché altrimenti vince la destra, come se il partito di Renzi non fosse ormai indistinguibile dalla destra, o – almeno in Liguria – persino peggio.

Fortunatamente, a dare un raggio di sole in questo scenario a metà fra l’angosciante ed il grottesco, è sceso in campo Luca Pastorino, ex democratico, oggi sostenuto da SEL e Civatiani ed accreditato di un ottimo 15%. Liguria laboratorio d’Italia, visto che – come ha dichiarato Civati – «l’operazione Pastorino può diventare un modello di ispirazione per quello che vorremmo fare dal 2 giugno, che è pure la Festa della Repubblica, un soggetto politico con modi e figure completamente nuove che lanci una sfida di modernità».

Catalogato in burlando, civati, cofferati, paita, pastorino, politica | 66 Commenti

Una fine, ma anche un inizio

«Come molti, non mi sento rappresentato da questa situazione. Lo ripeto da qualche giorno: non ho più fiducia in questo governo, nelle sue scelte, nei modi che ha scelto, negli obiettivi che si è dato. Non ne ho avuta personalmente fin dall’inizio, quando si scelse di proseguire con le larghe intese: avevamo deciso che durassero solo due anni, che sarebbero scaduti già, mentre abbiamo deciso di andare avanti fino al 2018, cambiando premier – in quel modo sobrio e istituzionale che tutti ricorderete – ma senza cambiare il programma di governo. Senza nemmeno scriverlo, per altro, con i risultati che sappiamo. (…) Non ho più fiducia perché dopo la fiducia della scorsa settimana, non si può chiudere così, come se fosse solo una parentesi, come se questo non costituisse un precedente. Per ragioni di coerenza passo al gruppo misto, nella considerazione che anche il gruppo del Pd lo sia diventato, avendo accolto parlamentari di tutte le provenienze. Ciò comporta, come conseguenza, che io lasci il Pd, cosa che non avrei mai fatto, ma ormai il Pd è un partito nuovo e diverso, fondato sull’Italicum e sulla figura del suo segretario. Chi non è d’accordo, viene solo vissuto con fastidio. C’è stato il Jobs Act, lo Sblocca Italia, un inquietante decreto sul fisco smentito solo un po’, la riforma della scuola che ha unito tutti gli insegnanti che votavano il PD (…). Non lo faccio per aderire a un progetto politico esistente, ma per avviare un percorso nella società italiana, alla ricerca di quel progetto di cui parlai un anno fa, che ho sempre avuto nel cuore».

Per me è sempre un grande piacere leggere Pippo Civati, perchè ogni volta trovo nelle sue opinioni una totale coincidenza con le mie. In un partito in cui quasi tutti sono diventati dei lacchè del segretario, pur partendo da idee e posizioni distanti quand’anche non contrarie, Civati ha sempre condotto una battaglia a viso aperto, mantenendosi fedele al proprio pensiero e dimostrando un coraggio ed una passione politica non comune. Acclarato che il confronto democratico all’interno del PD è ormai del tutto precluso, ha preso l’unica decisione possibile. Checchè se ne dica, c’è a sinistra un grande fermento. Lo spostamento a destra del partito di Renzi ha lasciato spazi che fino a poco tempo fa non esistevano e che diventa ogni giorno più importante iniziare a riempire. Sono convinto che se verrà fatto da persone come Civati, questo non potrà che portare buone cose per il Paese.

Catalogato in civati, politica | 106 Commenti