La storia insegna… ed il PD impara!!!

Il rinnovamento in casa PD passa da Veltroni e Dalema. Il primo infatti sponsorizza Dario Franceschini [di ben tre anni più giovane di lui] come prossimo segretario del Partito Democratico, e il sessantenne ex presidente del consiglio è il nume tutelare di Pierluigi Bersani [che compirà 58 anni a settembre]. Entrambi i candidati, così freschi e ruspanti, non sono per nulla riconducibili alla logiche parruccone che hanno governato il partito fino ad ora, portandolo ad una sconfitta elettorale dopo l’altra. Ecco quindi che, grazie a questi due volti nuovissimi e sconosciuti, vengono assolutamente rispettate le istanze di profondo cambiamento espresse dalla base.

Già prevedo che ci sarà chi criticherà queste due scelte, contestando ai due una mancanza assoluta di esperienza, ma io sono convinto che questa sarà colmata da entrambi con l’impegno e l’entusiasmo, fisiologici in tutti coloro che, per la prima volta, si trovano ad assumersi responsabilità così grandi. A onor del vero si era profilata anche una terza candidatura, quella di Debora Serracchiani, ma il fatto che si trattasse di una donna, che avesse già 38 anni suonati e che fosse così legata alla vecchia nomenclatura del partito, ha indotto il PD ad evitare di battere una strada già percorsa troppe volte in passato. Del resto com’è che si dice? La storia insegna!

Questo post è catalogato in bersani, franceschini, politica. Vai al permalink.

10 Commenti

  1. AdamsRib commenta:

    … Infatti la base si è già mobilitata per chiedere una candidatura seria, diversa e innovativa: in fin dei conti, la Serracchiani ha raccolto più voti di tutti, mister b. compreso! Come andrà a finire? Temo di saperlo…

  2. crimson74 commenta:

    Di Bersani per conto di D’Alema non mi fido a prescindere. Franceschini ha ottenuto l’appoggio di una altro giovanotto di primo pelo, Franco Marini. Franceschini ha però annunciato un rinnovamento: vedremo se alle parole succederanno i fatti. La Serracchiani non ha ancora deciso: spero ci provi, ma credo sia molto più probabile che entri nella squadra di Franceschini, vedremo…

  3. DonBuro commenta:

    Indipendentemente da chi vinca (anche se a me piace di più Bersani) speriamo che la sinistra ritrovi la bussola e i vecchi valori… quelli di Enrico…

  4. giustosentiment commenta:

    caustico !!! a me piace Franceschini ma temo che tu abbia ragione!

  5. RearWindow commenta:

    @Adam’s Rib

    Anche io lo temo. Si faranno largo i vecchi dinosauri per contentare le vecchie logiche interne…

    @Crimson74

    La penso come te… anche se penso che sarebbe moooolto meglio se si proponesse almeno un giovane, slegato dalla dirigenza,

    @donburo

    E proprio qui casca l’asino!!!

    @giustosentiment

    Ahimè… :)

  6. copperhead commenta:

    Si ventila come quasi certa la candidatura di Ignazio Marino. In tutto questo caos calmo, quasi quasi mi accontenterei di piccole notizie confortanti, come il divorzio di Ciccio Rutelli dal PD (o del PD da Rutelli)

  7. CurlyzTerron commenta:

    Dare una “svecchiata” alla sinistra significherebbe liberare poltrone a cui certi politici sono attaccati con la colla!

    Troppo avanguardista la candidatura di una donna, che scherzi!

  8. RearWindow commenta:

    @copperhead

    La notizia è stata confermata poco fa. Il fatto stesso che la componente cattolica del PD ne parli malissimo, le lo fa piacere!!!

    @CurlyzTerron

    Ecco come si fa a perdere consensi nel Paese… il PD continua a seguire direzioni autolesioniste…

  9. utente anonimo commenta:

    E’ stata confermata la candidatura anche di Ignazio Marino. Chissà… forse potrebbe essere l’uomo adatto a far fare al PD quel processo di rinnovamento indispensabile alla sopravvivenza stessa del partito.

    Ciao. Matteo.

  10. RearWindow commenta:

    @Matteo

    Speriamo! Non vorrei però che da adesso fino al prossimo autunno il PD fosse impegnato soltanto nelle proprie beghe interne, perchè stanno continuando a succedere cose inaccettabili per qualsiasi altro paese civile e mi pare che l’unico che resti a denunciarle con grande forza sia Di Pietro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.