Il Lato Positivo

Pat è affetto da personalità bipolare, esplosa scoprendo la moglie in flagrante adulterio. Dimesso dall’ospedale psichiatrico, dove era finito per aver picchiato a sangue il rivale, prova a riadattarsi alla vita dopo il divorzio e aver perso casa e lavoro, crogiolandosi nella speranza di riconquistare l’ex moglie. Questo fino a quando nella sua vita non arriva un’altra mezza matta, una vedova che a seguito della morte del marito si è lasciata andare ad atteggiamenti promiscui.  Una ragazza bella e tenace che grazie al ballo troverà la chiave per farlo rinsavire.

Il Lato Positivo di David O. Russell è indiscutibilmente un bel film, ben pensato, ben strutturato e recitato ancor meglio da un cast perfetto in ogni suo componente. Fra le prime linee da segnalare l’Oscar per la migliore attrice protagonista andato a Jennifer Lawrence. Fra le seconde il ruolo più convincente degli ultimi 15 anni per un Robert De Niro raramente così preciso e misurato. La pellicola – in perfetto equilibrio fra toni brillanti e drammatici – rappresenta davvero una rarità in un genere, la commedia, francamente svilito da decenni di farse, satire, parodie e storielle sentimentali. Un lavoro calibratissimo e coraggioso che sfugge ad ogni banalità e riesce a trattare con delicatezza ed ironia temi difficili come le malattie mentali e la depressione, ed in cui ciascun personaggio, anche se “minore”, è ben definito grazie a degli ottimi dialoghi. In italiano il libro da cui è tratto il film si intitola l’orlo argenteo delle nuvole, come a dire che c’è sempre qualcosa di buono anche in pieno maltempo. E’ il lato positivo delle cose, quello che i due protagonisti riescono a trovare al termine di un percorso che li conduce al riscatto personale e all’amore. 

Questo post è catalogato in cinema, de niro, lawrence, russell. Vai al permalink.

15 Commenti

  1. luigi commenta:

    dopo una recensione simile, come si fa a non avere voglia di andare al cinema a vederlo??? :)

  2. Sed commenta:

    Jennifer Lawrence. Da grande se le mangerà tutte (ma già un bel morso l’ha assestato).Il resto va, un ben fatto ma niente che faccia sussultare.
    Mentre Come un tuono….ah il cinema.

    • Sed commenta:

      Asfittico non direi, ho trovato innovativo il filone “cattive ragazze” (Young adult, Wedding party etc) e assolutamente perfetto Django. Per non parlare della Bigelow e di Lincon (e c’è dell’altro in arrivo) Insomma in un momento in cui l’America fa i conti con la propria storia…l’attenzione è catturata altrove.
      Con Silver siamo nella norma del buon prodotto coi bravi attori,tutto in un tratto di strada e il bipolarismo tra le pieghe delle normali esistenze. Insomma un classico Oscar laddove la qualità viaggia sempre sul tranquillo
      Come un tuono invece è un film, scazzato, sbilenco,folle e infine pregevole. E poi il protagonista ha già annunciato il suo ritiro dalle scene. Il che ovviamente mi fa immediatamente pensare che la rottamazione oramai è arrivata a sfiorare i trentenni.
      I prossimi li andremo ad aspettare all’uscita delle scuole medie.

  3. RearWindow commenta:

    @luigi
    Grazie! :)

    @sed
    Ti dirò che io invece un pò ho sussultato, proprio perchè mi pare che il film costituisca una gran bella ventata di ossigeno in un panorama, quello della commedia americana, alquanto asfittico. Come un tuono non l’ho visto, lo consigli?

  4. pyperita commenta:

    Devo vederlo.

  5. RearWindow commenta:

    @pyperita
    Te lo consiglio

    @sed
    Per panorama asfittico mi riferivo unicamente al genere commedia. Quindi Bigelow e Lincoln non li consideravo. Anche se, ti dirò, fra i film candidati all’Oscar che ho visto (Argo, Lincoln e Django) questo di David Russell è quello che ho preferito. Tarantino – Pulp Fiction a parte – non l’ho mai sopportato. Troppo cinefilo compiaciuto e oramai sempre più uguale a se stesso. Gusti personali. Ryan Gosling si ritira? Si sarà stancato di ripetere le solite due espressioni che ha mostrato nei film in cui ha partecipato! :))
    Allora se mi consigli Come un Tuono, me lo tengo a mente…

    • Sed commenta:

      I generi consideriamoli un ricordo del tempo che fu. Mi capita di leggere schede in cui c’è scritto:
      Taldeitali : film horror-politico-fantastico-commedia-dramma.
      Meglio così. Facciamo prima.

  6. Matteo commenta:

    Ben tornato al cinema Rear! Il film è piaciuto molto anche a me
    La selezione agli Oscar quest’anno era ottima, quelli piaciuti meno LesMiz e Lincoln, magari ogni anno così.
    (Ho letto che Gosling debutta alla regia).

  7. RearWindow commenta:

    @Sed
    I famosi film pot-pourri! :)

    @Matteo
    Grazie per il bentornato!
    Anche a me Lincoln non ha fatto impazzire… l’ho trovato piuttosto lento, specie nella prima parte. Gosling regista? Che fa? Studia da George Clooney? :)

  8. ipitagorici commenta:

    Convidido l’opinione, bel film, ottimo cast, una bella storia,

  9. Matteo commenta:

    Proseguendo il ragionamento tra te e Sed, temo George Clooney ormai lo passino su Rai Storia, Gosling magari aspira ad essere il nuovo Ben Affleck, che di conseguenza diventa il vecchio Ben Affleck.
    Comunque ho scoperto che inizia le riprese il mese prossimo, casting purtroppo già chiuso

    http://www.howtocatchamonstercasting.com/

    Si noti che la star è Christina Hendricks (l’ho già detto che adoro MadMen?)
    Il genere?
    HOW TO CATCH A MONSTER weaves elements of fantasy noir, horror and suspense into a modern day fairytale
    Ha già detto tutto Sed.

  10. ipitagorici commenta:

    Christina Hendricks ? Una maggiorata come non se ne vedono più, una discreta parte del successo di MadMen è anche suo :)

  11. RearWindow commenta:

    @Matteo
    Grazie per la notizia. Leggo che ci sarà pure la findanzata Eva Mendes e che Gosling ha scritto anche la sceneggiatura… ne vedremo delle “belle” (in tutti i sensi)…

    @Bruno
    Assolutamente si… (sia per il film che per la Hendricks)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.