Avanti così!

E’ una pervicacia autolesionista quella che i rappresentanti della nostra gloriosa casta dimostrano quando si tratta di minare il già scarissimo credito della gente nei confronti della classe politica. In un clima da fine impero nessuno si muove per andare incontro alle istanze di moralità e responsabilità avanzate dai principali settori della società civile, o per ridare fiducia ad un elettorato sempre più attratto dall’astensionismo protestatario o dal “populismo 2.0” di Grillo.

Recenti prove si sono avute presso la Regione Lombardia, dove non è passata la mozione di sfiducia contro il presidente Roberto Formigoni. Un risultato certo non sorprendente, data la maggioranza di centrodestra in Consiglio. Ciò che invece ha sorpreso è che il primo firmatario della mozione, il capogruppo del PD al Pirellone, fosse assente perchè intento a prendere il sole su una spiaggia della Grecia. Tutto ciò, mentre ben 169 senatori del Parlamento Italiano [un numero quindi che va oltre quello della maggioranza berlusconiana] votavano contro l’arresto del collega del PdL Sergio De Gregorio, accusato di “cosucce” come associazione a delinquere, truffa e false fatturazioni. In questo leggiadro contesto, non è potuta mancare neppure la tradizionale e chirurgica logica delle spartizioni delle poltrone, secondo cui PdL, PD e UDC hanno nominato dei propri uomini a capo delle Autorità delle Comunicazioni e della Privacy.

Questo post è catalogato in de gregorio sergio, formigoni, politica. Vai al permalink.

20 Commenti

  1. pyperita commenta:

    Un altro pessimo esempio di come sia cambiata solo la superficie ma non la sostanza.

  2. Paveloescobar commenta:

    Da noi in Sardegna un mese fa si è fatto il referendum per abolire le province e gli stipendi……
    le province a quanto pare verranno cancellate fra 8 mesi…
    gli stipendi invece quelli hanno fatto in modo di lasciarli stabili…..
    Buonanotte!

  3. redpoz commenta:

    La vicenda di Formigoni in Lombardia assume ormai aspetti tanto squallidi da rientrare appieno nel modello berlusconiano… scuse improponibili, giustificazioni insensate (buttate le ricevute, io non sono personalmente coinvolto) come precarie pezze di un sistema EVIDENTEMENTE malsano ed illegale.
    Decenza, prima ancora che il diritto, avrebbe imposto una seria e responsabile reazione ben prima degli ultimi avvenimenti. Ma, a quanto pare, si pretende troppo.
    Formigoni, con quel suo fare moralizzante e le implicazioni criminali, è una delle figure più squallide dell`attuale panorama politico. Ed anocra, come il suo mentore B, si erge a vittima…

    Non ho seguito la nomina dell`Autorità per le comunicazioni, quindi non posso giudicare il ruolo del PD, ma ho trovato ottima la posizione di Bersani sui membri del CdA RAI.

    • Sed commenta:

      Niente di eccezionale Red : serviva, come da regolamento, di indicare un soggetto per l’Autorità e noi gli abbiamo mandato un dermatologo.
      Così quando ci viene l’eczema da troppi “o mores o tempora” e “dove andremo a finire”, possiamo curarci le bolle.
      Del mare greco non so nulla.La stampa che prediligo – Chi, Novella 2000,Diva e Donna – ha bucato l’episodio.Imperdonabile, lo so, ma si sono messi anche loro a dire che di questi partiti non se ne può più e dove andremo a finire…e non c’è più spazio per il gossip. Quel dommage.(Vive la France)

  4. DonBuro commenta:

    Mi sa che in un certo senso siamo peggio dei greci…

  5. RearWindow commenta:

    @pyperita
    Ahinoi…

    @pavelo
    Chissà perchè non mi sorprendo…

    @redpoz
    Sono assolutamente d’accordo con tutto quello che dici su Formigoni….

    @sed
    Allora ti dò una mano, offrendoti un articolo del Corriere…. :)))

    @don
    Mi sa che non hai tutti i torti…

    • Sed commenta:

      Grazie.Vorrei leggere dieci, cento, mille articoli sul che fare, visto che mandare a casa tutti sostituendo con i ggggiovani, i volti nuovi, l’uomo della strada e la società civile,ovviamente non basta.Tre o quattro ideuzze ci sarebbero, ma se sono venute in mente a me figurati se non sono venute in mente anche agli altri.Il fatto è che non si vuole. Tolto il mare al semi-onorevole, poi di che si parla?

  6. RearWindow commenta:

    @sed
    Beh… io ho già difficoltà a decidere di che parlare sul mio piccolo blog cialtronesco, figurati se so di cosa si dovrebbe parlare sui principali quotidiani nazionali… :) Per intanto non faccio che registrare la totale incapacità dei partiti di venir incontro alle istanze della gente… che poi hanno persino il coraggio di incazzarsi se Grillo supera il 20%…

    • Sed commenta:

      Produzione di opinioni a mezzo di opinioni: sappiamo bene che l’informazione e la comunicazione oggi funzionano così, e che il gigantesco dispositivo che comanda la nostra percezione del presente, con buona pace della moltiplicazione di fonti, notizie e commenti che continuamente produce, finisce paradossalmente col fornire pochi elementi originali alla comprensione dell’attualità.
      Non si tratta solo di decidere cosa ma come.
      A me vengono i brividi a pensare che qualcuno creda di poter abolire le province in sei mesi -basta un referendum ! – e che tutto il problema sia l’eliminazione degli stipendi – altri disoccupati? – e non magari i contratti, gli assetti proprietari, i compiti da trasferire ad altri enti . Spaventa perché già sai che tra l’attaccamento al potere da una parte e questo tipo di opinione pubblica, le province non saranno mai abolite
      Grillo rispetto a tutto ciò è robetta : un pezzo dell’affresco,la pecorella del presepe : una caccoletta nello schema generale delle cose.

  7. luigi commenta:

    mi stupisco che ci si stupisca….
    e che credevate? che saliti al potere i bancheri e i finanzieri, certi intrallazzi politici finissero??
    e che gliene fraga a Monti & c.?
    sono schifato e disgustato, oltre che deluso e incazzato….da tutto e da tutti
    rilancio l’idea di andare in Belgio:)))

  8. RearWindow commenta:

    @sed
    Manipolazione dell’opinione pubblica… beh… direi che in questo campo – amministrati come siamo stati da un premier tycoon dell’industria dell’informazione – possiamo ben dire la nostra! :)

    @luigi
    Ma se tutti gli italiani se ne andassero in Belgio, in Belgio non funzionerebbe più nulla… ci hai pensato??? :)))

    • Sed commenta:

      Poi in Belgio dal dì che hanno fatto il governo, hanno il loro bel memorandum europeo da un paio di miliardi di tagli, i parlamentari si sono aumentati lo stipendio all’incirca dell’8 %e la corona intesa come re e regina grava sulla spesa pubblica non poco. Poi ci sarebbe il piccolo problema che tra Valloni e Fiamminghi non trovano l’accordo da secoli .
      E che Brel,fonte autorevole, lo chiamava le plat pays .

  9. RearWindow commenta:

    @Sed
    Cavolo! Ma se non ci si può fidare neppure dei belgi, dov’è che si può emigrare??? :)

  10. Luca Scialò commenta:

    Poi si meravigliano per l’ascesa di Grillo…

  11. luigi commenta:

    cominciamo ad andarci io e te in Belgio…mica ce li possiamo tirare dietro tutti no?
    tanto certa gente si lamenterebbe sempre e comunque, a prescindere….quindi..lasciali in italia a urlare:)))

  12. RearWindow commenta:

    @Luca
    Ecco… per l’appunto!

    @luigi
    Volentieri, però hai letto cosa ha scritto Sed? A parte che il Governo i belgi ce lo hanno già da un pò, pare che le cose non siano così idilliache come pensiamo noi! Dobbiamo trovarci un altro Paese dove emigrare… a meno che tu non avessi scelto il Belgio, non tanto per la qualità di vita, ma perchè è facile trovare la birra Pelforth! :)))

  13. redcats commenta:

    Almeno Lusi c’è arrivato a Rebibbia! redcats

  14. RearWindow commenta:

    @redcats
    E’ vero. E’ una buona cosa. Anche se i motivi dei due diversi trattamenti fra De Gregorio e Lusi sono beceri. Dove l’interesse dei media è stato elevato – vedi Lusi – non si è potuto fare a meno di consentire l’arresto. Viceversa, dove il protagonista delle malefatte presunte è riuscito a restare fuori dall’attenzione mediatica e dalle polemiche più accese, sono stati in grado di fargli evitare l’arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.