Archivi Mensili: maggio 2013

Polvere di stelle

«Questi qui sono fuori dalla realtà, si devono arrendere, sono circondati e devono andare tutti a casa. Sono banditi che continuano ad usurpare il potere, golpisti e ladri senza più seguito, per loro è finita, non esistono più, lo tsunami sta arrivando, e i morti viventi Pd e Pdmenoelle li spazzeremo via, tutti senza distinzione. Dall’alto del 14% di voti conquistati nella capitale, Beppe Grillo comincia a sperimentare sulla sua pelle la differenza tra fare … continua a leggere »

Catalogato in bracconi, grillo, politica | 77 Commenti

Fra la Gabanelli e la Finocchiaro

Curioso come la candidata alla Presidenza della Repubblica più votata dagli elettori del M5S sia improvvisamente diventata una venduta ed una traditrice. E’ bastato porre alcune semplici domande, come quella diretta a sapere dove vadano gli introiti pubblicitari del blog di Grillo, perchè Milena Gabanelli non fosse più quel simbolo di giornalismo incorruttibile e senza macchia che era stato fino al giorno prima. Evidentemente i grillini non prevedono la possibilità che si metta in dubbio la purezza del Movimento. Ogni critica, … continua a leggere »

Catalogato in finocchiaro, gabanelli, grillo, politica, zanda | 79 Commenti

All’angolo?

Ieri è arrivata la conferma in appello per la condanna a 4 anni di carcere e 5 di interdizione dai pubblici uffici per frode fiscale ai danni di silvio berlusconi. Dopo la litania dei vari schifanibrunettasantanchècapezzone che parlano ancora una volta di disgustosa persecuzione giudiziaria, è prevista per i prossimi giorni la solita manifestazione contro la magistratura politicizzata. Fin qui tutto tristemente già visto. L’unica novità è rappresentata dall’angolo in cui il PD, alleato di … continua a leggere »

Catalogato in berlusconi, d'alema, grillo, politica | 131 Commenti

Il Divo Giulio

In una delle sequenze più significative de Il Divo, il film che 5 anni fa Paolo Sorrentino dedicò ad Andreotti, Scalfari intervista il leader democristiano, domandandogli se “è un caso” che il suo nome sia finito in tutte le vicende più oscure, nelle trame più intricate e nei delitti più orrendi della storia repubblicana. Andreotti lo guarda impassibile e poi gli risponde, gelido: «E’ un caso che io abbia salvato il suo giornale da Berlusconi, … continua a leggere »

Catalogato in andreotti, politica | 29 Commenti